• Ore 21:00 BEBOP - baguetteria caffetteria
  • Ore 00:00

Artisti

EtnoritmoUscite Discografiche Eventi News

PUGLIA SOUNDS Paolo Farina progetto Etnoritmo
BAFolk
Paolo Farina / ETNORITMO


Paolo Farina ha esordito nella musica scrivendo il testo di "Al mancato compleanno di una farfalla", celebre brano (pubblicato in tutto il mondo) dei Maxophone, uno tra i più grandi gruppi del panorama Prog Italiano.


Nel 2000 dà vita al progetto Etnoritmo che, miscelando canzone d'autore, musica etnica, rock, reggae, blues, jazz e, in misura minore, techno, jungle e drum'n' bass si tuffa in una suggestiva terra di contaminazione tra mondo e Puglia. Per i testi delle canzoni Farina sceglie il dialetto della propria terra di origine (Castellana Grotte, in provincia di Bari), sia perchè, come tutti i dialetti, è un linguaggio emotivo dotato di grande plasticità, sia per cercare di salvaguardare un patrimonio espressivo diverso che la tendenza all'omologazione rischia di far estinguere.


E' del 2002 il primo cd di Etnoritmo "Sitanafri" (uscito per la CNI - Compagnia Nuove Indye di Paolo Dossena), straordinario esempio di musica etnica e contaminazione tra generi e culture musicali diverse, che contiene "Cre matein", brano che, nella sua versione demo, qualche mese prima era stato scelto da Michael Pergolani e Renato Marengo e più volte trasmesso in Demo, la popolare trasmissione di Radio 1 Rai. L’anno successivo, la canzone “Cre matein” è inclusa nel CD compilation di Rai Trade intitolato “The Best of Demo”.

Nel 2008 vede la luce il secondo disco di Etnoritmo dal titolo "Tondomondo" che, uscito per la gloriosa etichetta senza scopo di lucro UdU Records di Giancarlo Passarella, non è stato purtroppo distribuito in modo adeguato. "Tondomondo" contiene la canzone “Le montagne sono alte” (brano in lingua italiana con interventi in pugliese, arabo ed albanese) il cui testo ha ricevuto la Menzione Speciale per la poesia in musica alla XXIII Edizione del Premio Nosside 2007 (UNESCO) e "Sono malato" il cui testo è stato tra i finalisti del Premio IoRacconto 2010, nella sezione Testi per Canzoni.

"Dall'acustico all'elettrico" è il terzo album di Etnoritmo. E' uscito il 30 novembre 2010 per l'etichetta faentina Galletti-Boston con dtribuzione Edel. Il disco contiene 10 canzoni (tutte scritte da Paolo Farina) di cui 5 nuove suonate in acustico:Ball i ball, Vijn cu mmei, Mijnz a chiazz, Abbash e Mamm ind’a cucein (quest'ultimo brano era giàstato pubblicato nel primo cd di Etnoritmo “Sitanafri” ma qui compare in una nuova versione acustica) e 5 brani, tratti dal cd precedente “Tondomondo”, che rappresentano la parte elettrica ed elettronica dell'album: Chess jè a stor’j, Fall i dall, Giuann, Nan c’ stè, Tijmp d c’ros. Ai brani di questa seconda parte del disco partecipano numerosi ospiti, da Enrico Capuano (esponente della nuova tammurriata rock) al cantastorie di Ostuni Tonino Zurlo (personaggio fra i più sorprendenti del folk pugliese), da Pino Martini  (ex Stormy Six e Tancaruja) a Giancarlo Parisi e Alessandro Mancuso. Spiccano anche i campionamenti autorizzati di musicisti che hanno fatto la storia della musica etnica pugliese e del mediterraneo, dal noto cantastorie foggiano Matteo Salvatore a Enzo Del Re (folksinger di Mola di Bari, autore del brano Lavorare con lentezza con cui apriva i programmi Radio Alice), passando per i mediterranei Radiodervish.

La canzone "Tijmp d c'ros" è stata sigla finale della trasmissione Demo di Radio 1 Rai e "Chess jè a stor'j" è stata inclusa nel doppio cd compilation "Aie d'Italia", disco ufficiale del MEI 2009 con headliner Teresa De Sio e Davide Van De Sfroos.

I missaggi della maggior parte delle canzoni del disco sono stati effettuati da Raffaele "Raffa" Stefani (fonico di Morgan e Gianna Nannini).

Inoltre il disco contiene anche una traccia rom con il videoclip del brano "Ball i ball".


,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,


CONTATTI: etnoritmo@alice.it - Cell. 333.2453160


,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,




BALL I BALL (BALLA E BALLA)





Ball i ball / ball abbell abbell (Balla e balla / balla piano piano)

ball cchijù fort / pp f'rmò a mort. (balla più forte / per fermare la morte)

 

U munn aggeir / i nn'scijun u teir (Il mondo gira / e nessuno lo tira)

aggeir u munn / da ferm e tutt'atturn. (gira il mondo / da fermo e tutt'intorno)

Sijnt, u sjnt / ca stè mein u vijnt (Senti, lo senti / che sta soffiando il vento)

i c' stè ferm / ddò t mang' u verm. (e se stai fermo / qui ti mangia il verme)

Ball i ball / ball abbell abbell (Balla e balla / balla piano piano)

ball cchijù fort / pp f'rmò a mort. (balla più forte / per fermare la morte)

Ball i ball / ball abbell abbell  (balla e balla / balla piano piano)

cchijù fort abballom / ca a mort ammazzom. (più forte balliamo / che la morte ammazziamo)

 

Tijmp n'ì passot / i jè scuff'lot (Tempo ne è passato / ed è crollato)

pijur stu pareit / fort accum a veit. (anche questo muretto a secco / forte come la vita)

Jind o passatjur / ston i lumm ner (Dentro il sentiero / ci sono le more nere)

jind o cijl a seir / nuv’l legger (nel cielo la sera / nuvole leggere)

Ball i ball / batt u tamburell (Balla e balla / batti il tamburello)

stanott ball / ball sott’e stell. (stanotte balla / balla sotto le stelle)

Ball i cant / cant abbell abbell (balla e canta / canta piano piano)

cchijù fort cantom / ca a mort ammazzom. (più forte cantiamo / che la morte ammazziamo)

 

Sijnt, u sjnt / ca stè mein u vijnt (Senti, lo senti / che sta soffiando il vento)

i c' stè ferm / ddò t mang' u verm. (e se stai fermo / qui ti mangia il verme)

Ball i ball / ball abbell abbell (Balla e balla / balla piano piano)

ball cchijù fort / pp f'rmò a mort. (balla più forte / per fermare la morte)

Ball i ball / ball abbell abbell  (balla e balla / balla piano piano)

cchijù fort abballom / ca a mort ammazzom. (più forte balliamo / che la morte ammazziamo)

 

Mijù n’ama scei / p’gghjom  chess vei (Adesso dobbiamo andarcene / prendiamo questa via)

mijù sciomaninn / ca ddò c’ pigghj u su(o)nn. (adesso andiamocene / che qui ci prende il sonno)

A vei p r’turnò / a secc’ r’truvò (La via per ritornare / la so ritrovare)

a strod ch’egghja ffò / a cos avà purtò. (la strada che farò / a casa porterà)

Ball i ball / ball abbell abbell (Balla e balla / balla piano piano)

ball cchijù fort / pp f'rmò a mort. (balla più forte / per fermare la morte)

Ball da ferm / ball tutt’atturn  (balla da fermo / balla tutt’intorno)

cchijù fort abballom / ca a mort ammazzom (più forte balliamo / che la morte ammazziamo)

cchijù fort cantom / ca a mort ammazzom (più forte cantiamo / che la morte ammazziamo)

cantom i sunom / ca a mort ammazzom. (cantiamo e suoniamo / che la morte ammazziamo)




(Paolo Farina)




Paolo Farina: voce - Caterina Ivone: coro - Massimo Bonuccelli: basso elettrico - Vito Gasparro: organetto (diatonico, 12 bassi), castagnette, flauto irlandese - Fabio Bagnato: chitarra battente - Vito Di Carlo: violino - Stefano Danesi: chitarra acustica - Nicola Colaprico: tammorra, tamburello - Antonio Valente: darabouka

,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,





MIJNZ A CHIAZZZ (NELLA PIAZZA)





A matein du vinditrei (La mattina del ventitre [*])

nan g' cummanneiv cchijù 'u rre (non comandava più il re)

s'ì sv'gljot Cast'ddon (si è svegliata Castellana)

i t'neiv n'old patrjun. (ed aveva un altro padrone)

Ched nott ind'a 'nu jius (Quella notte in un basso)

do cr'st'jon jer acceis (due persone aveva cciso)

a mm'gg(h)jer cu cant'nijr (sua moglie con il cantiniere)

u paes ind'a paghijur. (il paese nella paua)

Mijnz a chiazz (Nella piazza)

Mijnz a chiazz l'on ditt (nella piazza l'hanno detto)

Mijnz a chiazz (nella piazza)

Mijnz a chiazz citt citt (nella piazza sottovoce)

Mijnz a chiazz (nella piazza)

Mijnz a chiazz s'ì f'r'mot (nella piazza si è fermato)

Mijnz a chiazz (nella piazza)

Mijnz a chiazz s'ì g'rot (nella piazza si è girato)

mijnz a chiazz. (nella piazza)

 

Na s'tt'mon all'ann nu(o)v (Una settimana all'anno nuovo)

u sett'cijnt's'ttantanov (il settecentosettantanove)

da lunton cu na sc'ccupett (da lontano con un fucile)

bijuch a bandijr seop o titt. (buca la bandiera sopra il tetto)

S' chiameiv Scannacurnacchj (Si chiamava Scannacornacchia)

ind'o paes i jind'a macchj (nel paese e nella macchia)

ccu na d'cein d br'gant (con una decina di briganti)

faceiv tr'm'lò a gent. (faceva tremare la gente)

Mijnz a chiazz (Nella piazza)

Mijnz a chiazz l'on ditt (nella piazza l'hanno detto)

Mijnz a chiazz (nella piazza)

Mijnz a chiazz citt citt (nella piazza sottovoce)

Mijnz a chiazz (nella piazza)

Mijnz a chiazz l'on vist (nella piazza l'hanno visto)

Mijnz a chiazz (nella piazza)

Mijnz a chiazz bast fest (nella piazza basta feste)

mijnz a chiazz. (nella piazza)

 

Ind'a vill d' Marchijon (Nella villa di Marchione)

steiv 'u cont d' Cumm'rson (stava il conte di Conversano)

ha chiamot a sti br'gant (ha chiamato questi briganti)

i c'ha ditt a tutt quant: (ed ha detto a tutti quanti:)

o Comun d Cast'ddon (al Comune di Castellana)

on'a ffo i votazion (devono fare le votazioni)

spav'ntot tutt i cr'stijon (spaventate tutte le persone)

ch'amà veng' l'elezion. (che dobbiamo vincere le elezioni)

 

I cu chessa protezion (E con questa protezione)

ind'a sta zon du meridion (in questa zona del meridione)

so durot p do jann (sono durati per due anni)

furt, mu(o)rt i contrabann. (furti, morti e contrabbando)

So f'njut sc'hitt acquann (Sono finiti solo quando)

u rre av'alzot u bann (il re ha lanciato un bando)

sta comitiv d delinquent (questa comitiva di delinquenti)

jei n'an a vogghj cchjù sent. (io non la voglia più sentire)

Mijnz a chiazz (Nella piazza)

Mijnz a chiazz l'on ditt (nella piazza l'hanno detto)

Mijnz a chiazz (nella piazza)

Mijnz a chiazz citt citt (nella piazza sottovoce)

Mijnz a chiazz (nella piazza)

Mijnz a chiazz i gendarm (nella piazza i gendarmi)

Mijnz a chiazz (nella piazza)

Mijnz a chiazz cu l'arm (nella piazza con le armi)

mijnz a chiazz. (nella piazza)

 

Mijnz a chiazz (Nella piazza)

[f'nesc' a Magg'] [(finisce a Maggio)]

Mijnz a chiazz l'on acceis (nella piazza l'hanno ucciso)

Mijnz a chiazz (Nella piazza)

['u br'gantagg'] [(il brigantaggio)]

Mijnz a chiazz l'on appeis (nella piazza l'hanno appeso)

Mijnz a chiazz (Nella piazza)

[f'nesc' a Magg'] [(finisce a Maggio)]

Mijnz a chiazz l'on ditt (nella piazza l'hanno detto)

Mijnz a chiazz (nella piazza)

['u br'gantagg'] [(il brigantaggio)]

Mijnz a chiazz citt citt (nella piazza sottovoce)

 

([*] il 23 dicembre del 1778)




(Paolo Farina)




Paolo Farina: voce - Vincenzo Aversa: coro - Enzo Beccia: chitarra acustica, chitarra classica - Massimo Bonuccelli: contrabbasso, contrabbasso con archetto - Walter Bagnato: fisarmonica - Antonio Valente: darabouka, congas, djembe, tamburello

,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,



MAMM IND’A CUCEIN (MIA MADRE IN CUCINA)


Mamm ind’a cucein (Mia madre in cucina)
ca stè lov nderr (che sta lavando il pavimento)
ca m stè surreid (che mi sta sorridendo)
jind’o cafè d tutt i matein. (nel caffè di tutte le mattine)
Mamm ca m deisc’ (Mia madre che mi dice)
ca na m capisc’ (che non mi capisce)
i pijur chessa volt (ed anche questa volta)
s stè dè a colp d tutt. (si sta dando la colpa di tutto)
Jei nan t cambiess (Io non ti cambierei)
manch cu na sant (neanche con una santa)
ca stè seop all’altor (che sta sull'altare)
na stat'u fredd d ceir (una statua fredda di cera)

tiù invec’ si d carn, sangh i ver (tu invece sei di carne, sangue e vera)

tiù invec’ si d carn, sangh i ver. (tu invece sei di carne, sangue e vera)

 

Mamm ind’a cucein (Mia madre in cucina)
parl cu papò (parla con mio padre)
i deisc’ ma purcèi (e dice ma perchè)
stè semp ddo, nan jiss cchijù. (stai sempre qui, non esci più)

A p’nsarc bbu(o)n (A pensarci bene)
nan è d mattijun (non è di mattoni)
sta bella cosa nost (questa bella casa nostra)
ma d joss’r i d s’d'eor (ma di ossa e di sudore)

 attan’m p’accattall s’ì v’nnjut a veit (mio padre per comprarla si è venduto la vita)

attan’m p’accattall s’ì v’nnjut a veit. (mio padre per comprarla si è venduto la vita)

I n’ha sc’ttot / d sangh i d s’d'eor (E ne ha versato di sangue e di sudore)
ha far’got tutt i dei/ p’ dud’c' eor. (ha lavorato tutti i giorni per dodici ore)

Attan’m p sta cos s’ì v’nnjut a veit (mio padre per questa casa si è venduto la vita)

attan’m p sta cos s’ì v’nnjut a veit. (mio padre per questa casa si è venduto la vita)

 

(Paolo Farina)

 

Paolo Farina: voce - Enzo Beccia: chitarra acustica - Massimo Bonuccelli: contrabbasso, contrabbasso con archetto - Walter Bagnato: fisarmonica - Antonio Valente: darabouka, congas, djembe


Video

Audio

« indietro
EU FSC Regione Puglia Teatro Pubblico Pugliese
© 2012
P.IVA 01071540726 - Licenza SIAE n° 2098/I/2109 | Privacy | HTML5