Noto soprattutto per le indimenticabili colonne sonore che hanno accompagnato alcuni dei capolavori di Fellini e di Visconti e per il premio Oscar ricevuto nel 1974 grazie alle musiche de “Il Padrino – parte II” di Francis Ford Coppola, Nino Rota (1911 – 1979) è stato anche l’autore di una vasta produzione sinfonica e cameristica.

Tra le sue musiche, segno di un percorso compositivo originale e personalissimo, si annoverano brani per orchestra, lavori vocali e numerose opere liriche. La presente pubblicazione, realizzata da Stradivarius con il sostegno di Puglia Sounds, offre un’antologia di pezzi cameristici per violino, viola e pianoforte che riportano ad un Nino Rota fantasioso, dal linguaggio colorato e raffinato, creatore di un universo musicale che si infiltra indelebilmente nella memoria. A dare il titolo all’album, che raccoglie brani scritti in un arco di tempo più che trentennale, l’Improvviso in do maggiore “Un diavolo sentimentale” (1969), un avvincente dialogo tra violino e pianoforte. 

Il cd, arricchito nelle note del libretto da preziosi documenti gentilmente messi a disposizione da Silvia Rota Blanchaert, rappresenta una fascinosa occasione per riscoprire il lato meno noto di un grande autore le cui musiche hanno accompagnato la storia del Novecento.